Cavitazione

Modellare il corpo con la cavitazione medica

La cavitazione medica è un sistema di rimodellamento corporeo non invasivo, basato sull’emissione di ultrasuoni a una determinata frequenza prestabilita.

Il trattamento prevede l’eliminazione del grasso in eccesso, grazie alla graduale e indolore implosione delle cellule adipose, indotta attraverso gli ultrasuoni.

Quando l'onda sonora passa attraverso il liquido genera, infatti, delle onde di espansione e di compressione, rispettivamente pressione negativa e positiva. Un’onda sonora adeguatamente modulata può causare una rapida formazione di bolle di vapore all'interno del liquido, che crescono fino a collassare e implodere.

In questo modo si riduce il tessuto adiposo senza intervenire in maniera chirurgica, ma ricorrendo a tecnologie d’avanguardia ormai così evolute che è possibile sottoporsi al trattamento senza rischi.

La cavitazione medica permette anche di combattere inestetismi come la “pelle a buccia d'arancia” e la cellulite. Il trattamento è consigliato per ridurre accumuli adiposi di modesta entità e cuscinetti localizzati. Il grasso eliminato viene assorbito dal sistema linfatico e smaltito dal metabolismo in modo naturale attraverso l'urina.

Il trattamento

La tecnica della cavitazione è indolore e la procedura è eseguibile in regime ambulatoriale, senza la necessità di praticare alcuna anestesia o di astenersi dalle proprie attività quotidiane.

Si consiglia di bere almeno 1 litro di acqua nelle ore immediatamente precedenti al trattamento. Anche nei giorni successivi è indicata un’abbondante assunzione di liquidi. Allo scopo di drenare efficacemente i residui catabolici dal sistema linfatico, infatti, il paziente deve bere molta acqua per 4 giorni, accompagnata per i primi due anche da tisane diuretiche, da assumere almeno due volte al giorno.

Al termine della procedura il medico fornisce al paziente le opportune indicazioni domiciliari post-trattamento. Sono consigliati, salvo controindicazioni del medico, anche massaggi linfodrenanti.

Il trattamento va ripetuto a distanza di 7-10 giorni, per un numero di sedute (generalmente 6/8) da stabilire con il medico a seconda della situazione locale di partenza.

Avvertenze, effetti indesiderati e controindicazioni

Gli unici e rari effetti collaterali sono delle sensazioni di torpore della parte trattata, sensazioni di calore o un lieve edema.

Il trattamento è sconsigliato ai pazienti affetti da epatopatie o nelle dislipidemie.

Istituto Medico Santa Chiara s.r.l. - Piazza Garibaldi, 8 - 21013 Gallarate (Varese) - T 0331 795272 - Cell 342 0433824 - F 0331 700707
Sede legale: Corso Sempione, 32/A - 20154 Milano  |  P.IVA 07072120962  |  Disclaimer - Nota informativa | Privacy | Cookie Policy
Direttore sanitario: Dott.ssa Maura Blini - Medico Chirurgo - Specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva
Unique